Il Tar del Lazio sul ricorso del Codacons

 

notizie, codacons, tar, lazio, news, giochiIn questi giorni, il Tar del Lazio, già chiamato in passato a pronunciarsi in materia, ha respinto il ricorso del CODACONS contro il poker online.

A neanche un mese di distanza dall’introduzione della nuova normativa sul poker online, è giunta in questi giorni un’ulteriore pronuncia del Tar del Lazio su un ricorso del Codacons. Con l’ultima sentenza emessa dal Tar del Lazio in materia di gioco d’azzardo online, tutti gli appassionati e i giocatori di poker online potranno gioire.

Nel panorama italiano del poker online, sono stati necessari alcuni anni affinché entrassero in vigore nuove norme che permettessero di dare una precisa regolamentazione al settore del gioco d’azzardo online, tanto promettente, ma altrettanto, sottoposto ad attacchi di ogni genere da parte dell’associazione consumatori del Codacons ed altre istituzioni contrarie alla diffusione del poker online.

L’ultima pronuncia del Tar del Lazio, giunta proprio in questi ultimi giorni, ha proprio rigettato in quanto inammissibile l’ultimo ricorso del Codacons, mettendo in sostanza la parola fine su una controversia, quella del poker online che, dal 2008, ha avuto i suoi strascichi prima di tutto con il Tar del Lazio, quindi con il Consiglio di Stato e, infine, nuovamente con il tribunale amministrativo regionale del Lazio.

Si tratta di un’ottima notizia tanto per il gran numero di utenti che quotidianamente si dedicano al loro gioco preferito nel tempo libero, come del resto, si tratta di una pronuncia che va a consolidare la chiarezza e la certezza del quadro legislativo entro la quale operano grandi società attive nel settore del poker online e, in genere, del gioco d’azzardo in forma virtuale: tutti i giocatori di poker online abituati a trascorrere qualche ora a video, quindi, possono stare certi che potranno continuare a giocare senza problemi.

Il Tar del Lazio sul ricorso del Codaconsultima modifica: 2011-08-13T12:46:00+00:00da texas-holdem
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento